Poem of the day

Notte d’Inverno
by Giosuè Carducci (1835-1907)

Innanzi, innanzi. Per le foscheggianti
Coste la neve ugual luce e si stende,
E cede e stride sotto il piè: d’avanti
Vapora il sospir mio che l’aer fende.

Ogni altro tace. Corre tra le stanti
Nubi la luna sul gran bianco, e orrende
L’ombre disegna di quel pin che tende
Cruccioso al suolo informe i rami infranti,

Come pensier di morte desïosi.
Cingimi, o bruma, e gela de l’interno
Senso i frangenti che tempestan forti;

Ed emerge il pensier su quei marosi
Naufrago, ed a ’l ciel grida: O notte, o inverno,
Che fanno giú ne le lor tombe i morti?

Leave a Reply

Your email address will not be published.